Dubbi metropolitani

Eravamo sul trenino che ci porta alla grande città, ancora ignari dello sciopero dei mezzi  e delle chilometriche sfacchinate a piedi che ci attendevano con perfida aria di sfottò. Non si chiacchierava molto, ancora assonnati per la levataccia, ma il nostro era un bel silenzio caldo, di quelli complici. Ma ad una fermata entra nel nostro vagone un ometto con un lungo cappotto color cammello e, con una fastidiosa e brutta voce nasale, attacca bottone con due donne sedute di fronte a noi. Le due rispondono educate, ma non era necessario un osservatore attento per accorgersi dei grossi punti di domanda che troneggiavano sulle loro teste. Ma è ovvio che il nostro omino non è nemmeno un osservatore distratto perché, senza che nessuno lo inviti, si siede accanto alle due donne e inizia a raccontare i fattacci suoi. A valanga. E senza una vera logica. E pure un po’ sconnessi, se proprio vogliamo.
Ci voleva un omino invadente per riaccendere un dialogo fra me e il Fonto, insomma.
Io, per quanto perplessa dall’insolito comportamento, sostenevo che anche se abitiamo in una grande e fredda metropoli è possibile attaccare bottone con perfetti sconosciuti senza passare per psicolabili.
Il Fonto, cinico fino alla fine, era del parere che non è un normale comportamento da cittadino della grande e fredda metropoli. Che sotto ci sono indubbiamente dei problemi comportamentali.
Stavo per ribattere, ero pronta a  sfoderare una pallida difesa per salvaguardare la socievole natura dell’omino, ma non ho avuto il tempo di raggruppare un gruzzoletto di parole; sento l’omino affermare
"La sede dove lavoro è a Roma. Ah, conosci Roma, allora conoscerai anche il mio capo! Si chiama Valerio. L’altro giorno a mi ha chiesto quante vecchiette ho ammazzato! Eh, eh, hai capito, ammazzare le vecchiette…"
Il Fonto si volta a guardarmi, con lo sguardo di chi si chiede se ho ancora dubbi sui problemi socio-comportamentali.
Non ho ricambiato lo sguardo. Ero troppo intenta a sistemarmi la sciarpa.

Annunci

Un pensiero su “Dubbi metropolitani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...