Meglio dell'angelo custode

Lunedì non sono andata a prenderla in stazione semplicemente perché il tempo era schifoso e non volevo che "figlia col moccio al naso" si trasformasse in "figlia con ennesimo febbrone", ma dentro di me era un tripudio di coriandoli, stelle filanti, ole da stadio e cappellini di carta.
Resterà qui con noi fino a sabato mattina  e per ora la sua sola presenza ha sollevato la sottoscritta dal carico di una figlia a tempo pieno, permettendole così di:
– rifarsi i capelli nuovi (di un bel colore arancio sparaflashato grondante alcol perché tanto non allatto più!)
– consigliarla nella nobile e difficile arte di rimpolpare il guardaroba
– dormire
Oltretutto è bene far presente che, senza chiedere niente a nessuno, ha
– Stirato una caterva di roba abbandonata su una poltrona
– Preparato una cena che ancora adesso -se ci penso- sbavo
– Una miriade di altre piccole -ma grandi- cose che non mi vengono in mente solo perché, dato che in questi giorni in casa gestisce tutto lei- sono pure in letargo cerebrale.
Io non voglio che se ne vada.
Almeno per i prossimo 15 anni.
Io quasi le chiedo se vuole trasferirsi qui in pianta stabile.
In fin dei conti abbiamo vissuto assieme per 18 anni.

Se 10 anni fa mi avessero detto che, ad oggi, avrei guardato la mia mamma con occhi carichi di gratitudine imperitura, sono certa che non ci avrei creduto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...