Problemi di comunicazione

"allora oggi è il tuo ultimo giorno di scuola?!" mi domanda con sguardo di tampinatore afflitto Bidello Piccolo Brutto e Nero appena metto piede nell’atrio della scuola elementare.
"Eh, già!" rispondo cercando di mantenere un tono neutrale. Ma dentro, nel profondo del mio cuoricino, sono giorni che festeggio.
"E allora non ci vedremo più?" mi chiede tirando fuori un’espressione da triglia seduttiva, la stessa che mi propone ogni sacrosanto mercoledì da ottobre.
"E così che van le cose…" rispondo evasiva, cercando di non infastidirmi.
"Ma ti mancherò?" e mi sorride con quella bocca guasta e, gessumarialevasubitoquellamano, sfiorandomi una ciocca di capelli.
"Come un attacco di colite alle 3 di notte!" e sorrido cortese, facendo un passo indietro per togliermi le sue mani di dosso.
"Ah!" e il suo volto si apre in un grande sorriso compiaciuto mentre sottolinea le ultime parole della frase "Allora ti mancherò la notte!"

Forse la parola "colite" era troppo difficile. Forse non la conosce, l’ha fraintesa, ha pensato fosse una cosa molto porno che avevo voglia di sperimentare con lui.
La prossima volta (sperando che non ci sia mai una prossima volta) userò "diarrea". Magari funziona meglio!

3 pensieri su “Problemi di comunicazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...