Te lo recensisco io il libro! I love shopping per il bebè

Lei è una quasi 30enne che meriterebbe seriamente di passare un pomeriggio in compagnia di qualcuno che le pratichi il waterboarding: viziata, egoista, immatura, totalmente distaccata dalla realtà dell’universo. Il suo unico interesse, se ben ricordo, è trovare delle lenzuolina da culla in coordinato con lenzuola da camera padronale.

Lui, suo marito, è il classico megamanager iperidiota che mica lo sai come ha fatto ad arrivare a simili livelli di potere, però c’è e sta facendo fallire l’azienda. La sua azienda (quella che non può che aver ereditato dalla sua famiglia, perché manco le patatine al fast food, a lasciarlo solo, riuscirebbe a servire). Per fare in modo che la moglie, con la quale non ha nemmeno uno straccio di dialogo, non si preoccupi delle loro fantafinanze in decadenza, devial’attenzione facendole credere di avere una relazione extraconiugale con la loro ginecologa.

I due, ovviamente, hanno ricevuto il dono della riproduzione.

Che però è solo un lieve sottotesto della trama. Anzi, per restare in tema con lo spessore del libro, è trattata al pari di un accessorio.

Garantisco enorme prurito alle mani dalla prima all’ultima pagina.

Inconcepibile che questo non sia l’errore isolato di una scrittrice che cercava di imitare con scarso successo la personalità alla Bridget Jones, ma sia una saga di successo mondiale.

Annunci

9 pensieri su “Te lo recensisco io il libro! I love shopping per il bebè

  1. bè guarda non hai tutti i torti sulla povera Becky-Svampita-Bloomwood,ma tutto sommato se prendi in esame (ma come parlo bbbbbene!!) tutta la serie cosi male non è
    Invece ho appena finito di leggere “La favolosa (doppia) vita di Isabel Bookbinder” e ti giuro che fa letteralmente ca**re….una brutta, anzi bruttissima copia dei libri della Kinsella e la protagonista è se possibile ,ancora più svampita, superficiale e idiota!! altro che prurito, mi veniva proprio il mal di pancia dal fastidio!!! 🙂

  2. non ho letto nessun libro della saga
    ma ho visto il film tratto da I love shopping
    e, ben lungi dall’essere un fulgido esempio d’arte cinematografica, è tuttavia godibile, con momenti davvero esilaranti.
    🙂

  3. E no è, non sono mica d’accordo… I libri della kinsella devi prenderli per quello che sono non puoi mica pensare che siano equilibrati o “spessi”. Io personalmente li adoro, mi fanno troppo ridere e avendo letto tutta la saga una evoluzione nel personaggio principale c’è eccome anche se rimane la solita buffa pasticciona. Lo so che non è facile vedere come una scilacqui anche quello che non ha soprattutto se da una vita si è abituati a fare i conti con ogni singolo acquisto, però mantenendo il dovuto distacco è una lettura più che godibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...