mi vergogno ma confesso che

1- Di storia e geografia ne so una mazza proprio.

2- Una volta, avrò avuto circa 20 anni,  mi sono seduta sulle scale in piazza del duomo appoggiando la testa sulle ginocchia. Ero stravolta dalla fatica, probabilmente ancora sotto sostanze psicotrope e vestita decisamente da schifo. Da lì a qualche minuto un perfetto sconosciuto -tiggiuro-mi allungò la 500 lire.

Ebbene sì, se non fosse chiaro, mi hanno fatto l’elemosina. Indubbiamente è stato uno dei momenti più elevati nella mia vita.

3- Nel buio della mia cameretta, mi scaccolo con grande soddisfazione.

4- Sono mesi che ho un brufoletto sul naso che non vuol saperne di andarsene e che ormai non mi prendo manco più la briga di coprire col correttore.

5- Non stiro. In famiglia mia andiamo tutti in giro stropicciati. Salvo eventi straordinari che proprio proprio non posso evitare. Tiggiuro che mi sono ritrovata a togliere un dito di polvere dall’asse da stiro chiusa.

6- Più o meno 3 settimane fa abbiamo lavato i vetri. Non lo facevamo da prima di Natale. Se ti chiedi come mai sono così precisa, sappi che per 5 mesi ci siamo tenuti sui vetri stelline, comete, cappellini e fiocchi di neve disegnati con stencil e spruzzati con spray bianco.

7- Hai presente la “sindrome da nido”? Ovvero quell’irrefrenabile impulso, a poche settimane dal parto, di pulire tutta casa che potresti mangiare per terra o lavarti con l’acqua del cesso che tanto sarebbe tutto disinfettato che di più non si può?

Ecco, a me sta sindrome manca. Ora, magari arriverà con Cosotto, che abbiamo ancora qualche settimana di tempo, ma con la Piccetta la sto ancora aspettando.

8- Che poi, se hai letto i punti 5 e 6, potevo anche evitare la precisazione del punto 7, che alla fine c’eri pure arrivata da sola…

9- Quando sono senza contanti in casa e ho l’urgenza di qualche spesa, prendo in prestito i soldi dal salvadanaio di mia figlia. Ovviamente senza dirglielo. Assistenti sociali, state ferme lì, fino ad oggi -credo- di averli sempre rimessi al loro posto!

10- Ho il capello sporchissimo. Ma lercio proprio. Ma dato che domani vado dalla parrucchiera ho deciso di fingere indifferenza. In verità muoio dalla voglia di dirle “Macché hennè, andiamo, versami in testa qualche bel colore sparaflashato, tipo un fucsia o un verde acido e divertiamoci un po’…

Mi trattengo solo per il ragazzetto nella pancia, che non sono sicura approverebbe… che se non vinco il premio “madre dell’anno” questo giro qui, io non so mica cosa si può pretendere!

8 pensieri su “mi vergogno ma confesso che

  1. 1 poco e niente pure io
    2mai successo ma mi sarebbe una figata!!
    3 raramente
    4 mai coi brufoli li strizzo tutti!!
    5 nemmeno io…porto tutto dalla mamma o dalla suocera!ma solo le cose del mio compagno,le mie senza stiro!
    6/7 ho una signora che viene ad aiutarmi una volta al mese le pulizie grandi le fa lei!
    9 senza contanti non so stare…al massimo struscio con la carta!
    10 oggi no!!

  2. 1. in geografia sono proprio un’asina, in storia dai, una volta mi piaceva ma mi ricordo na mazza
    2.ahahhahah mi sono immaginata la scena, scusa ma fa troppo ridere!!!
    3.ehm ehm, pure io
    4.a me ne viene uno ogni santo mese dentro l’orecchio…che palle!ma non smettevano dopo l’adolescenza?
    5.è l’unica faccenda di casa che faccio volentieri
    6. a me li pulisce mia mamma…fai un po’ te
    7.a me non è venuta neanche al secondo giro cazzarola!! 🙂
    9.oddioooooo anch’io!! giuro giuro!!! abbiamo pure usato i soldi che Gnammino ha ricevuto al battesimo…che cacca di genitori (però il lunedi dopo sono andata in banca a girarglieli tutti sul libretto)
    10.anch’io quando devo andare dalla parrucchiera, tendo a non lavarmi i capelli per qualche giorno in più,salvo poi vergognarmi quando mi mettono le mani in testa

  3. credo che stirare sia una forma di schiavitù autoinflitta tipica delle donne. sono con te nella lotta al ferro. quando quattro anni fa andai a vivere nell’ultima casa dove sto tutt’ora, mia madre mi volle regalare a tutti i costi asse da stiro e ferro. sono entrambi ancora imballati nello sgabuzzino. il mio motto è: pulita, ma ciancicata.

  4. FANTASTICO! quante cose in comune! io i vetri non li pulisco dal giorno dei morti, ti batto! lo ricordo perchè era venuta fata madrina ospite e almeno per quell’occasione le ho pulito la stanza e i vetri! poi è tornata anche a marzo, ma mi sono detta che non ci farà caso. così fu… 🙂
    anto loggata come max

  5. Non è possibile Pera, mi sono vergognata come una matta a leggere il tuo post perchè a parte un paio di punti (1 e 2), io sono così e non ho neppure la scusa del pancione! Io i vetri non li pulisco da quasi un anno e non hanno stelline o spray bianco, ma sono pieni di impronte di mani taglia 6-9-12-18 mesi, 3-4 anni. Aspetto che mia mamma si decida a venire a trovarmi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...