accetto qualunque consiglio.

ehi tu, sì, proprio tu che passi da queste parti e sei una bis mamma (ma va bene pure un bis papà, eh!) che ha infilato i figli in un’unica cameretta, fermati un attimo e spiegami come hai educato al sonno il più piccolo senza diseducare al sonno il più grande.

Sono disposta a pagare per entrare in possesso del tuo segreto, ti prego, svelami il tuo sapere.

Perché si da il caso che qui il Piccione, che è tanto caruccio e simpatico, continui ad avere il brutto vizio di non dormire una mazza a meno che non lo metta accanto a me a usarmi come ciuccio.  Perché non posso manco dire che abbia fame, mi usa semplicemente come succhiotto e non gli serve il capezzolo, presente la massima del “‘ndo cojo, cojo?” Ecco, tiggiuro che ho più succhiotti su sterno, petto e costole ora di quando avevo 16 anni!

E no, per la cronaca il ciuccio normale non lo prende e anzi, pur di toglierselo di torno si procura il vomito.

Tu capirai che dopo 5 mesi e mezzo così, non lo infilo nel tritarifiuti solo perché un tritarifiuti non lo possiedo (o posseggo?).

 

Quindi torniamo all’argomento principale.

Come lo educo a un sonno indipendente e, mi commuovo solo al pensiero, duraturo?

Proviamo a lasciarlo piangere, stile Estevil?

Però quando il suo richiamo si trasforma in pianterello, e poi in pianto, e infine in urla belluine, sveglia inevitabilmente la sua compagna di stanza. E così mi ritrovi due bambini svegli in piena notte.

 

Ora, molto cortesemente, caccia fuori la soluzione al mio problema.

Se può servirti, sappi che:

a) Averlo accanto ogni notte mi sta facendo impazzire. Io rivoglio il mio spazio, il mio letto, il mio uomo.

b) Non lo voglio in camera con me. Ben venga una nanna assieme una volta ogni tanto, ma non deve essere la prassi.

c) Lui è un osso durissimo. Durissimo. E io una pappamolle devastata dalla stanchezza.

 

Annunci

15 pensieri su “accetto qualunque consiglio.

  1. Non sono bis mamma, ma mi permetto di buttarla li lo stesso…provare con la culla in salotto? Si, mi rendo conto che sia un po’ in mezzo ai piedi e che la dovresti spostare (sempre che sia possibile….) avanti e indietro ogni giorno…ma dopo 5 mesi e mezzo cosi’ puo’ forse valerne la pena? E, a proposito, sei troppo brava, altri avrebbero trovato soluzioni alternative al tritarifiuti! In bocca al lupo, spero che troverai una soluzione presto!

  2. Ho due figli. Stessa età dei tuoi, più o meno. Leo, il primo, si addormentava in un nanosecondo, poi faceva 1000 risvegli anotte. Ho fatto di tutto. Estevill. Lasciarlo piangere tutta la notte, cullarlo, portarlo nel lettone, dargli ettolitri di latte, camomilla… alla fine ha iniziato a dormire tutta la notte a due anni e mezzo. E credimi che ci ho lavorato molto sul sonno di mio figlio. Ho letto di tutto. C’è stato un piccolo miglioramento con “fate la nanna”, ma per piccolo intendo, che anzichè 30 volte (e non è per dire) si svegliava 4 volte, ma capisci bene che il sonno spezzato è comunque un non sonno…. Con il senno di poi, ho capito che lui era così. Punto. Senza soluzione.
    La seconda. Come il tuo. Si vuole attaccata a me altrimenti sono urla disumane.
    Questo quello che ho fatto io:
    Ho provato a farla piangere per tre minuti, la prendo la consolo, finchè è calma, ma non la faccio addormentare in braccio, la rimetto nella culla. Ripiange… e riinizio la tiritera finchè crolla esausta dopo circa un ora. Per qualche giorno riga dritta… poi i maledetti scatti di crescita ci fanno ripiombare nel baratro… Ma voglio eliminare sia il pasto notturno, che la tetta come ciuccio. Credo continuerò così. Sinchè reggo… ma è dura. Cazzarola se è dura….
    PRova a leggere “il linguaggio segreto dei neonati”… è da qui che ho preso spunto….

  3. Io non ci sono molto riuscita. O meglio. Il piccolo ha cominciato a dormire a 11 mesi, quando sono tornata al lavoro e ho giurato che non mi sarei mai più alzata per lui. Il grande nel frattempo lettonizzava abbestia. Ora il piccolo ha capito che lo freghiamo, e si lettonizza pure lui abbestia. Insomma siamo in 4 per tacer del gatto. Ma basta dormire. Io non butto via nulla.

  4. Il mio grande ha 4 anni e il piccolo 1. Stanno nella stessa camera da circa 6 mesi e per fortuna il grande non si sveglia mai…
    Siccome il piccoletto voleva dormire con noi e siccome noi temevamo di dargli la brutta abitudine, ecco che l’unica soluzione che abbiamo trovato assomiglia al consiglio della prima risposta (Anna): il marito traslocava con lui in salotto e dormivano per terra, su un materasso (così se anche strillava non svegliava nessuno).
    Pare un metodo assurdo ma ha funzionato abbastanza.
    Ora sono almeno 3 mesi che dorme tutta la notte filato, tranne le ultime due che non si sa che gli è preso, ma speriamo siano episodi.

    Spassionatamente però devo dire che i bimbi son tutti diversi. Noi senza sapere neanche che esistesse abbiamo applicato il metodo Estevil al primogenito che ha dormito in camera per conto suo dalla tenera età di 2 mesi.
    Col piccolo è diverso e siamo diversi noi, forse anche più stanchi e tolleranti.
    Di certo il momento giusto per spostarlo in camera col fratello è arrivato quando riusciva a fare quasi tutta la notte senza mangiare o almeno arrivare alle 5.

  5. i miei sono tre, nella stessa stanza fino ad un anno fa, forse è trito e ritrito, ma con me ha funzionato: rito—–> bagnetto tetta nanna, facendogli notare che i grandi già dormivano.
    Nel lettino una borsa dell’acqua caldina avvolta in un telo che PUZZAVA di me, schifoso ma efficace
    Aggiungi pazienza e tanta fortuna, e ancora pazienza e latoB!
    Tieni duro 🙂

  6. Volevo aggiungere che il metodo piangi-consola dura solo tre al massimo quattro giorni, perchè la memoria dei piccoli non va oltre i tre giorni. Per cui se tieni duro per tre giorni, poi dovrebbe dormire… quindi il disturbo arrecato alla grande sarebbe solo per tre giorni. Altrimenti per quei fatidici tre giorni, la bimba dorme con il papi e tu con il bimbo…
    Io credo che più aspetti più è dura…. 🙂

  7. PiccoloU ha il sonno pesante di un bisonte o di suo papá, che dir si voglia, quindi anche quando Gnammino si sveglia ed inizia ad urlare perché nel giro di un nanosecondo non mi sono materializzata nella sua stanza, lui continua a dormire beato
    Se fossero nati “invertiti” non avrei mica potuto metterli in stanza insieme visto che ilmpiccolo si sveglia se anche solo oso grattarmi la testa ( e se il grande ha preso dal padre, lui ha decisamente preso da me)
    Volevo scriverti che purtroppo di consigli non ne ho ( e tu dirai allora che cribbio scrivi a fare? E non avresti nemmeno tutti i torti) ma forse quello che ti hanno suggerito negli altri commenti potrebbe funzionare: spostare il piccolo in un’altra stanza giusto per farlo abituare a tirare nondico tutta la notte ma comunque piú del solito senza il ciuccio-umano e vedere come va….

  8. Ti scrivo dal cellulare, stesa sul letto del mio primogenito con la tetta in bocca alla mia secondogenita, che si addormenta, le sfugge la tetta strilla come un’aquila finche non gliela reinfilo in bocca. Il primogenito, intanto, sta dormendo beatamente nel lettone col suo papà.
    Quindi che te lo dico a fare: quando trovi la soluzione al tuo problema, io la troverò al mio, perché tu me la suggerirai!!!

  9. L’ho tenuto con noi 1 anno (1 anno!!!) per non svegliare il fratello. Poi ho deciso che era troppo, ho riadattato la stanzetta di là e l’ho infilato a dormire da solo. Se non hai una stanza in più mettilo in salotto: ne vale la pena.
    Da allora il suo sonno è stato migliore già da subito. Quando piangeva, quelle 3-4 volte per notte, andavo a consolarlo senza prenderlo in braccio, mi sdraiavo (per terra) tenendolo per mano finchè non si addormentava (e io con lui!).
    Piano piano si è abituato, e ora che dorme quasi tutta la notte li ho messi insieme.

  10. mi dispiace, pur essendo bismamma non ho consigli da darti, visto che il primo non ha dormito per 2 anni, io ho svolto la funzione di ciuccio, con la seconda, per la bellezza di 2 anni e 2 mesi, e ancora oggi le nostre notti sono piuttosto turbolente. Se vuoi ti posso dire come ho fatto io, in modo da fare l’esatto contrario.
    Alla fine sono sopravvissuta per due ragioni: 1) perché avevo un’amica con cui sfogarmi e 2) perché mi rendevo vagamente conto che stavo comunque seguendo il mio istinto, e che il mio modo di comportarmi era quello che – dati i bimbi, e in particolare il primo – mi faceva stare meglio con me stessa.
    Se la sorellina è brava, provare a metterla nel lettone con il papà, mentre tu ti occupi dell’indemoniato? Magari dopo la fase di addomesticamento del minore dovrai riabituare lei a dormire da sola, però se è un osso meno duro del fratello potrebbe valerne la pena…

  11. Pera a me è andata talmente di lusso con tutti e due che ho quasi vergogna.
    Hanno dormito nel lettino per conto loro fin dai primi mesi, e il secondo si addormentava ascoltando me e il grande che scambiavamo le consuete due chiacchiere pre-nanna al buio… perciò….

    quanto ai risvegli notturni però, mi sono sempre alzata e ho sempre fatto avanti e indietro.
    il grande si svegliava anche 4-5 volte per notte. il piccolo meno, ma una volta almeno tutte le notti si sveglia ancora, e ha 5 anni passati. Niente Fate la Nanna, niente metodi di nessun tipo. Piglio su e vado… ho sempre cercato in tutti i modi di evitare di portarli nel lettone. Piuttosto sono stata li seduta accanto al letto per del tempo (sclerando, ndr) ma ho pensato che evitare di abituarli a dormire con noi alla lunga avrebbe pagato.

    E in effetti ha pagato: oggi come oggi il piccolo ancora chiede di dormire nel lettone una sera si e una no… ma con un “dai amore ti faccio compagnia io per 5 minuti, poi ognuno nel suo letto” me la cavo.

    Purtroppo in queste situazioni la differenza tra “dare sicurezza” e “dare vizi” è drammaticamente ridotta. Per non dire inesistente 😦

  12. ragazze, siete meravigliose e vi abbraccio una per una. Adoro la solidarietà di chi sa perché c’è passato o ci sta passando. E grazie per tutti i consigli (che metterò in pratica e potete giurarci che vi terrò informate!) che mi avete lasciato, perdendoci anche del tempo, il che mi commuove pure di più.
    grazie.

  13. passo di qui per caso, ma non posso non commentare…. quanti ricordi!! anch’io avrei dato qualunque cosa per dormire decentemente e non so quanto sonno arretrato ho accumulato negli anni!!
    Dalla mia esperienza ho capito che ogni bambino è a modo suo e che non c’è una ricetta valida in assoluto. Il mio primo figlio era il tipo che, a partire dai 6 mesi, lo mettevi in camera sua, nel suo lettino, con ciuccio e orsacchiotto, gli dicevi buonanotte e uscivi dalla stanza. Lui si addormentava così, da solo. E ha smesso presto di svegliarsi la notte.
    Col fratellino, 11 anni dopo, pensavo di fare le stesse cose e invece….. mi sono ritrovata con un esserino che si sveglaiva di continuo, che voleva poppare di continuo (ma non come sostituto del ciuccio, voleva proprio mangiare) e che sembrava avere risorse infinite. Le ho provate tutte, senza alcun risultato. Le cose sono andate un po’ meglio a partire da un anno e mezzo; ma ancora oggi, che di anni ne ha 3, ogni santa notte si sveglia almeno una o due volte sbraitando (a prescindere che dorma in camera con noi, col fratello o da solo).
    sigh. forse non ti sono stata di grande aiuto…

  14. Allora: la mia, 6 mesi e mezzo, si addormenta cullata o con qualche minuto al seno, l’ho sempre di messa giù quando non è del tutto addormentata.
    Nel caso in cui vedo che comincia la pantomima del “mi sveglio ogni 5 minuti” con urla che ben conosci allora in quel caso non la rimetto nel letto nè me la porto nel lettone. Ho piazzato la cullina da passeggio in salotto e la pianto lì, così posso culalrla/consolarla/aiutarla a riprendere il sonno senza rompere il sonno al primo in cameretta.
    Devo dire che le pantomime sono nettamente migliorate da quando mangai (come una porca) le pappe: evidetemente il mio latte non le bastava più. C’aveva fame, poraccia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...