Arriverà, ma non oggi

Se tu entrassi adesso nell’adolescenza:

– Ascolteresti gli uandirecscion, e mi frantumeresti le balle per ricevere il permesso di andare al loro concerto sperperando l’equivalente di un mese di affitto per comprare il biglietto.

– Ti vestiresti con magliette borchiate con stampati teschi glitterati (no, dico, !!!teschi glitterati!!! spero che dalle tue parti la moda sia altrettamnto raffinata!)

– Leggeresti in via ufficiale storie di vampiri sexi e licantropi ipertrofici e ingenue vergini innamorate. Questo nel caso più fortunato, altrimenti passeresti direttamente ai film.

– Leggeresti sottobanco le 50 sfumature del patetico, e data la tua giovane età, forse ci credersti pure.

– Vivresti con le mani occupate dal tuo smartphone. E la testa occupata chissà dove.

– Nella tua camera ci sarebbero appesi i poster di chetiperri e biberqualcosa. E lui sarebbe sfregiato da baffi e brufoli e corna e bava disegnati con il pennarello indelebile nero che gli avrei aggiunto io, dando poi la colpa a tuo fratello.

– Vorresti quelle scarpe, proprio quelle, orribili e costosissime che hanno tutte, perché questa è l’età in cui ci si deve uniformare per potersi distinguere.

– Impareresti a chiudere le porte. Quella di camera tua, ad esempio. Ma soprattutto quella dei tuoi pensieri, delle tue confidenze, dei tuoi timori, delle tue necessità. Sono porte che van chiuse per aprirsi al mondo in maniera sana, lo so perché le ho chiuse anche io a tempo debito. Quello in cui non ero io il genitore. Qui sta la differenza, e scusa se è poco.

 

Quindi grazie che sei ancora bambina, grazie che giochi a covare le uova, che ogni sera ti addormenti abbracciando un pupazzo e facendoti leggere il pezzo di una storia, che ancora vuoi venire in braccio e vieni colta da attacchi di mammite acuta che guariscono solo con una montagna di coccole.

Grazie che quando ci reincontriamo mi corri incontro come se fossi un dono, che mi disegni -e ti disegni- con sorrisi grossi  così, che pensi, credendoci, che noi siamo i migliori genitori del mondo.

Grazie che cresci felice, che vivi spensierata in un mondo in cui tutto è possibile, il bene trionfa, l’amore vince e l’unione fa la forza.

Grazie che ci sei e che sei meravigliosa, come meravigliosi sono i tuoi sei anni nuovi di zecca.

Auguri, amore. Buon compleanno.

Annunci

9 pensieri su “Arriverà, ma non oggi

  1. auguri auguri:)

    sono belli i sei anni..a me è piaciuto molto il percorso dai sei a tutta la scuola primaria…è una bella avventura!

    e poi sono così teneri…e buffi…e un pò imbranati…e a volte vengono ancora a dormire con te!

  2. aaaaahghhhh fatemi tornare indietro a quando mio figlio (descritto esattamente in tutto e x tutto a parte i cantanti, sostituiti con idioti dai nomi terrificanti che infilano una parolaccia ogni strofa) aveva 6 anni.
    ora che ci penso frantumava i maroni anche a 6 anni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...