Ti racconto un pettegolezzo

Vivono nel mio stesso palazzo, giusto giusto un piano sopra al nostro. Sono una coppia più sui 50 che sui 40. Lei se t’incontra per le scale ti saluta solamente se non ha nessun punto all’orizzonte da osservare con attenzione, lui invece è sempre stato cordiale e sorridente. Che io sappia non hanno figli. Dato che vanno e vengono da casa senza orari fissi, ho inizialmente pensato si dedicassero entrambi all’homeworking, ma poi ho realizzato che no, lei no, lei oltre ad andare in palestra continuamente non fa una mazza… e suppongo non si sbatta granché manco in palestra, dato che non ha sto gran fisico. Però diamine, almeno lui un mestiere deve pur avercelo, e pure prestigioso, che io casa loro non l’ho mai vista, ma in 2 hanno 5 macchine e una moto, che le cambiano con la frequenza con cui io cambio le lenzuola, e posso giurarti che non sono delle Panda e che anzi, sono le classiche automobili su cui sbavano abbondantemente tutti quelli che contemplano il cromosoma Y nel dna.

E poi l’ho scoperto qualche giorno fa, per caso. Che poco più di un lustro addietro, giocando dei numerini a caso in una ricevitoria, hanno sbancato il superenalotto portandosi a casa 14 milioni di euro.

Che io non ho la più pallida idea di che ci farei se piovessero così, aggratis. E che non sono nemmeno sicura che li vorrei davvero, tutti questi soldi, che qualcosa mi dice che fan più male che bene, però ecco, insomma, volevo dirti che io so che faccia hanno due multimilionari senza meriti.

Non mi sembrano poi così tanto felici-

 

Annunci

9 pensieri su “Ti racconto un pettegolezzo

  1. Mi accontenterei della metà…
    Ma se dici che non sembrano poi così felici… boh, o non sanno come usarli, o hanno qualche disordine mentale….
    Perché sará pur vero che i soldi non fanno la felicità, ma se vedessi la mia di faccia, adesso come adesso, non so, forse mi accontenterei anche di 1/14 di quella vincita là, per avere un’espressione più… non dico felice… almeno serena???

  2. bè…non hanno figli…nemmeno uno…magari neanche un cane, un gatto, un pesciolino…

    non danno amore, sono aridi…

    i soldi non fanno piovere sui deserti!

  3. Di certo, se io vincessi 14 milioni di euro, avrei quella faccia lì solo se continuassi a vivere in un palazzo con altri esseri viventi.
    Comprerei una casa normale, ma singola, senza nessuno a cui fare i complimenti se fa un rutto al di là della parete in comune.
    Sarebbe l’unico vezzo che avrei credo, oltre al fatto di non lavorare più chiaramente.

  4. Scusa pera,

    Capisco che tu sia sempre in bilico tra il dire e il non dire. Che poi è un vezzo italico inveterato.

    Ma ammesso che la storia della vincita al lotto dei 14.000.000 ( dicasi quattordici milioni ) di euri che equivalgono approssimativamente a 28 miliardi delle vecchissime lire.. dicevo ammesso che sia vero… mi spieghi cosa ci fanno due multi miliardari cosi’ in un pidocchiosissimo condominio urbano ? Ma come minimo compri una villa con annesso giardino, tenuta o quel cavolo che sia.. e tutto il resto non bastano dieci vite a spenderli, senza nemmeno tener conto del fatto che tali somme generano utili mensili .. altro che campar di rendita.

    A meno che tu non abiti all’interno della reggia di caserta peruccia … e i vicini si siano comprati invece un’ala del piano nobile coi 14 milioni di euri.

    Ma dico .. 14 milioni di euri ..

    QUATTORDICI MILIONI DI EURI

    VENTOTTO MILIARDI DI LIRE

  5. coppia sulla cinquantina senza figli…. mi sa che sti milioni se li porteranno nella tomba… Effettivamente 14 milioni forse fan più bene che male.. ecco se mi arrivassero però i denari per una casetta indipendente (anche a schiera eh…) io sarei già a posto con la vita!

  6. c’è stato un momento tragico della mia vita,per fortuna passato,in cui mi avrebbero fatto comodo anche 14 euro.Non so con tanti soldi mi godrei la vita viaggiando.Poi ho figli,marito,gatto,insomma saprei come spenderli.
    Ecco mi compererei una bellissima casa,un attico,davanti al Colosseo e mi godrei la vista tutti i giorni…alla Jep Gambardella

  7. Ok.
    Senti un po’

    Dal tuo ultimo pettegolezzo son passati già un bel po’ di giorni.
    Non è che ora mi racconti anche qualcos’altro?

    Chè, Pera, tu questo blog lo stai trascurando abbestia. Sappilo.
    E con lui me. Sappilo.
    E non è cosa buona e giusta. Sappi anche questo.

    Che se trovi il tempo per il riassunto del big broder, lo teovi pure per il resto.

    Ti lovvo
    Sempre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...