Poi mi passa

Quando, questa mattina, ho oltrepassato il cancello del palazzetto dello sport del fonto paesello ho realizzato che non sarei stata una delle 5 mamme invasate e fancazziste che andavano a godersi il debutto del proprio figlio ai giochi della gioventù. Roba che pensavo anche “mazza, oh, che sfigata che sono che vado a vedere la Piccetta. Lei mi vedrà, i suoi compagni mi vedranno e giù tutti a pigliarla per il culo che c’è la mammina, e si vergognerà di me…”

Eravamo migliaia.

migliaia, lo giuro.

che in sto paese, ormai, davvero non lavora più nessuno.

E sì, a vederla correre con il testimone in mano, o lanciarsi scattante nel perscorso a ostacoli, mi sono pure un pelo emozionata. E non conta che sono emotiva già di mio e piango per la qualsiasi, è che veramente lo sento, lo vedo, che il passare del tempo ha subito un’accelerata clamorosa e lei sta diventando grande. Scorgo la donna che sarà perché è proprio lì, dietro ai suoi occhi, nei suoi lineamenti, nei pantaloni che diventano corti troppo in fretta, nelle scarpe che diventano strette a tutto andare.

E poi nelle sue parole.

Nei suoi ragionamenti.

Nel suo spiegarsi come gira il mondo. Nel suo domandare, ma soprattutto nel suo darsi delle risposte.

 

E la osservo ammirata quando incita la sua squadra mentre attorno il casino regna sovrano. Lei. Lei che piangeva quando qualcuno anche solo applaudiva.

E vorrei raggiungerla, e abbracciarla, e dirle “no, ti prego, aspetta, non così in fretta, non così in fretta. Mi sembra di star perdendo troppe cose, mi sembra di non star facendo un buon lavoro, ho paura di voltarmi un attimo e ritrovarti adulta, distante, piena di rancori nei miei confronti”

Ma resto lì, ovviamente.

E’ lei che mi vede. E mi sorride radiosa e viene a darmi un bacio.

6 pensieri su “Poi mi passa

  1. Pera, dovresti avvisare ad inizio post magari… perchè pure io piango SEMPRE!
    sono i pensieri che io già faccio e sta per compierne 4 di anni.. ma non avrei saputo formulare così bene i iei pensieri!

  2. Anche a me poi passa, forse…..ma quanto il grande viene e mi chiede ‘ Ti ricordi quanto non ti arrivavo nemmeno all’ombelico ?’ quasi guardandomi neglio occhi…..mi viene da rispondergli: ‘ Tesoro: io mi ricordo quando mi scalciavi nella pancia!!”
    Aiuto…aiutami a farmela passare!!!!

  3. io, che sono una mamma che pensa meno male crescono, mi sono emozionata a leggerti!

    e si..alle manifestazioni dei bambini i genitori sono sempre migliaia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...