sparsi

Lei ha iniziato a parlare prestissimo. Ma tipo che a cinque mesi già diceva “mamma” con consapevolezza, a un anno aveva un vocabolario più ricco di molti adulti che conosco, a un anno e mezzo già chiacchierava ininterrottamente. Non è stato graduale, quindi, ci ha travolti come un fiume in piena.

Lui ha compiuto due anni a luglio ed è un paio di settimane che ha scoperto che, volendo, ha il dono della parola. Che declina quasi esclusivamente per indicare camion, ruspe, moto e un ape verde che scorrazza per il Fonto Paesello e che lo manda istantaneamente in visibilio.

Paradossalmente è attraverso lui che osservo affascinata la strutturazione del linguaggio verbale. Vedo lo sforzo di cercare la parola giusta, la frustrazione di non trovarla, la difficoltà di posizionare correttamente lingua e labbra. Ci sono sfide talmente complicate che non c’è niente da fare, automaticamente le andiamo a sottovalutare perché le diamo per scontate.

E comunque l’estate si è finalmente chiusa, ed entrambi sono tornati ai loro impegni scolastici, permettendomi di riprendere a lavorare in orari più umani e diurni, ma il punto non è questo ed evitiamo di andare fuori tema, che qui si parlava che vederla entrare in seconda elementare forse mi ha scosso più dell’anno scorso, che adesso è subentrata la routine di un altro anno che sorpassa il precedente, e non ci sono più prime volte da immortalare per il proprio album dei ricordi. Va in seconda. Cioè, capiamoci, qua in un batter di ciglia mi sarà in quinta. Ah be’, anche lui ora è un tigrotto al nido, Cioè è all’ultimo anno, che poi ci sarà la materna.

Fila veloce, signora mia.

E per non dimenticare, tiriamo fuori anche quest’ultima informazione un pelo imbarazzante, ma ormai qui si è tutti intimi e pazienza. Che la Piccetta si è svegliata un paio di notti fa per soffiarsi il naso ed è entrata in camera nostra per chiedere supporto e ci ha beccati che facevamo sesso. Ora, intendiamoci, non eravamo in nessuna posizione sconvolgente e non c’erano genitali in vista, ma non eravamo nemmeno missionari sotto le coperte. Rimandata il più possibile dolcemente in camera sua, quando l’ho raggiunta e dopo aver soffiato il naso, le ho spiegato che io e il suo papà ci facevamo le coccole dei grandi.

“Quindi facevate l’amore?” ha chiesto lei, che evidentemente è stata attenta nelle lezioni precedenti.

“Esatto!”

“In effetti l’avevo immaginato. Cioè, non saprei. Vi ho visti tutti aggrovigliati, ma non c’ho capito granché!”

E allora forse non ci sarà nessun trauma. Allora forse avrà un’associazione fra sesso e groviglio di corpi, che a me il termine “aggrovigliati” che ha scelto di usare è piaciuto tanto, che sa di fusione e contatto. E allora ormai è andata, e a giudicare da come ridacchiava ieri la sua migliore amica “Gola Profonda” siamo già diventati leggenda.

Distribuirò gli autografi sabato pomeriggio.

10 pensieri su “sparsi

  1. Io per stare sul sicuro ormai faccio sesso solo sul divano, che a dire il vero è moooooolto più grande e comodo del letto, e per essere sicura che la pupa non arrivi a piano terra sul più bello, non solo l’addormento, ma le chiudo pure il cancellino in cima alle scale.
    Che ho si paura che cada dalle scale, ma ho anche paura che ci trovi intenti in una seduta di rodeo! 😛

  2. Ricordo ancora i tuoi primi post, tanti come se li avessi letti ieri….. e lei è già grande e lui…. è!

    Per il resto….. tanto ho come l’impressione che tra figli, nonni, amici, chiunque, che ci girano praticamente sempre per casa, figurati se corriamo il rischio fi essere sgamati aggrovigliati.

    Che tristezza

  3. Niente traumi, per lei sicuro. Poi in separata sede mi dici quanto ci mette tuo marito a tornare… In forma. Con rispetto parlando. Il mio non si riavrebbe più 🙂

    quanto al resto, devo dirti che il PG é in prima liceo ?????? Muoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...