opportunità

Seduta sul divano in pelle, lo stesso divano che da sempre abita con i miei e che entrambi non hanno praticamente mai usato, osservo giocare mio figlio, anni 3, e suo cugino, 15 mesi in meno.

Giocano bene, hanno trovato un’equibrio: Piccione non approfitta della sua supremazia fisica, Cuginetto trova in fretta un compromesso.

E’ bello guardarli. Sono una possibilità in più che le radici non scivolino via nel corso del tempo.

Che i parenti non te li scegli, ma molto spesso impari a conviverci. Perché è meglio con che senza, suppongo. Almeno il più delle volte.

Talvolta con mia sorella trovo un punto di contatto. Non sempre, ma quando si trova è bello. Ma poi non è immediato cercarne un altro, suppongo non sia una necessità reciproca, se capisci cosa intendo, e come un elastico si allenta e si tende. I chilometri che ci semparano non aiutano, e anche le differenze caratteriali fanno il loro, ovvio.

Ma questi due bambini che giocano insieme con discreta armonia, e che un po’ ridono tolleranti uno nei confronti dell’altro, è un’opportunità, perché se loro continueranno a piacersi si vorranno vedere, e per noi accontentarli sarà piacevole. E noi potremo continuare a giocare con questo elastico, che i giochi non sai mai come finiscono, ma intanto è bello giocare.

Un pensiero su “opportunità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...