tre puntini di sospensione

Che alla mia Piccetta si siano già svegliati gli ormoni e che il suo corpo stia già iniziando a cambiare piace proprio poco. Mi mette ansia, malinconia, mi fa pure un po’ incazzare che c’ha 8 anni, eh, lasciatemela restare bambina ancora un po’ che l’infanzia è una e la spensieratezza è un suo diritto ancora per un po’, nessuna sotto i 10 anni deve portarsi a scuola degli assorbenti, porco di quel cazzo cazzo.

E poi non voglio a prescindere, immagino. che per i grandi eventi non si è mai pronti e punto.

Il Piccione, invece, mi ha detto la cosa più bella che io abbia sentito in 38 anni. Roba che se non avessimo sto legame di sangue qui, quello madre/figlio, per intenderci, sarebbe l’uomo della mia vita.

“Ti guardo mentre leggi per me!”

No, parliamone, a te t’hanno mai detto niente di simile?

e quindi tutto va avanti veloce e inarrestabile, tranne il mio cervello che è in stallo e fisso a pensare che non so, non è possibile, non era immaginabile, è come se lo scorrere del tempo fosse all’improvviso diventato un principio fisico concreto, e mi affascina e spaventa al contempo, e cerco di non soffermarmi sullo strisciante senso che sono arrivata a quasi 40 anni in una bolla in cui tutto ha sempre funzionato bene, in cui i lutti sono stati relativi e le -poche, fra le altre cose- perdite dolorose ma mai al punto da squarciarmi, e che quindi adesso per forza di cose dovranno pur iniziare e chi sarà il primo a salire sulla giostra? E potrei pure essere io, eh, vai a chiederlo ai dottori che 10 giorni fa mi hanno fatto mammografia ed ecografia, vaglielo a chiedere a loro che sguardo avevo. E chissà quanti sguardi simili al mio vedono ogni giorno, ma il mio si è trasformato in sollievo, ma quanti sono così fortunati? Chi è salito sulla giostra al posto mio? Quindi suppongo di essere ancora in coda, ma alla fine tutti i numerini vengono estratti, no?

E niente, sto esaurita, non farci caso. Sono spesso esaurita, diciamocelo, ma questo nuovo modo qui non mi piace affatto e non va bene, e non lo voglio, e non mi appartiene e dionovoglia che invece sia diventato un nuovo abito del mio guardaroba emotivo. e al momento sembra proprio il mio preferito, si adatta con tutto.

Annunci

5 pensieri su “tre puntini di sospensione

  1. Uuuhhhh Pera se ti lasci prendere da quei pensieri li non ne esci più!!! Per carità!!! Lo so, pure io come te, sempre in salute, famiglia in salute, bei figli floridi ecc ecc ecc… e una si domanda: quando verrà il mio turno? Ma per l’amore di tutti gli dei, lasciamo stare le domande che tanto, risposte non è che ce ne siano!

  2. Ecco io uno di quei lutto chr ti squarciano dentro l’ho vissuto con mio papà e dopo due anni non facili. E si tutto cambia e sembra più precario. Però vai avanti nonostante quel vuoto, forse è sopravvivenza, forse è che dopo quegli anni difficili …la morte… va beh non riesco a spiegarmi. Scusa. Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...